lunedì 24 novembre 2014

Lasagne dolci di pane e mele


Questa ricetta davvero particolare l'ho "rubata" ad un nostro amico...
I fatti si sono svolti così: una domenica che eravamo a pranzo da questa coppia di amici, lui mi chiede delle delucidazioni sulle dosi di un dolce che sua mamma aveva cambiato nel corso degli anni; allora mi fa vedere questo quadernetto dove sono state appuntate moltissime ricette dolci (per i primi, secondi e quant'altro mi ha fatto vedere un altro quaderno!), studio la ricetta che creava tanti dubbi, capisco al volo e spiego...
E poi, l'errore: no, non nella ricetta, ma nello lasciarmi il quadernetto fra le mani!!!
Per fortuna i telefonini di oggigiorno possono scattare fotografie, così il passo tra rimirare il ricettario vintage e immortalare alcune pagine di suddetto quaderno è stato davvero molto molto breve!
Quindi, questa che vado a presentare è "solo" la prima ricetta che ho preparato, in programma ce ne sono moooolte altre, spero tanto di riuscirci dal momento che ho pure l'archivio del computer pieno di ricette da provare prese dal web e dai vostri blog!!!


Sono stata attirata da questa ricetta per il nome che presentava: "Torta di mele e pane"; essendo io una che non butta via niente, ho subito pensato che avere un'idea in più per riciclare il pane raffermo non era da scartare per niente... Però, una volta letto il procedimento, mi sono resa conto di quanto questa torta fosse diversa dal solito!!!
Praticamente, bisogna fare una teglia alternando fette di pane e fettine di mela, aromatizzando ogni strato, e finendo con un composto di latte che andrà ad ammorbidire il tutto...
Particolare, no?
Potevo non prepararla? E postarla subito?
Ma vediamo la ricetta originale e come ho fatto io e se volete provare a farla anche voi, vedrete che sorpresa quando andrete a tagliare la fetta e quanto questa vi ricorderà una... lasagna!!!
Infatti è per questo che ho cambiato il nome da "torta" a "lasagne dolci", la composizione e l'effetto finale ricordano moltissimo una bella lasagna al forno!!!


Note prima di cominciare:
- la ricetta originale dice di usare 5 rosette o pani simili; invece io ho usato un filoncino dalla crosta tenera.
- il mio pane non era raffermo, d'altronde non era specificato nella ricetta! E il dolce è venuto perfetto!!
- io ho usato una teglia di 20x30 cm e le dosi erano perfette!!!
- non avendo riferimenti sulla teglia da usare, il pane e le mele le tagliavo al momento di comporre il dolce, giusto per non trovarmi roba in più tagliata e non sprecare nulla!!


Ingredienti:
~ 5 rosette o panini simili
~ 700 gr di mele
~ 70 gr di mandorle tritate (io ho fatto un mix di farina di mandorle e granella di nocciole)
~ 50 gr di uvetta (non l'ho messa in ammollo perché non c'era scritto ed è andata bene così)
~ 6 cucchiai di zucchero + quello per gli strati
~ mezzo litro di latte
~ 3 uova
~ cannella in polvere
~ scorza di limone grattugiata (omessa)
~ burro


Tagliare le mele a fettine sottilissime e il pane a fette di qualche millimetro; come dicevo, io l'ho fatto man mano che componevo gli strati nella teglia.
Imburrare la teglia e fare un primo strato di pane, riempiendo gli spazi con i pezzi più piccoli. Ora fare uno strato omogeno di mele e spolverizzarle, in ordine, con le mandorle tritate (o il mix come ho fatto io), uvetta, dello zucchero, cannella e buccia di limone.
Ripetere l'operazione per comporre più strati, fino ad esaurimento degli ingredienti, terminando con le mele spolverizzate con gli aromi.
Nota: io ho messo anche l'uvetta sulla superficie, ma in cottura si è seccata moltissimo (a differenza di quella dentro al dolce che è venuta fuori morbidissima!), per cui consiglierei di non metterla sulla superficie!
Ora sbattere le uova con i cucchiai di zucchero, poi unire il latte a filo e versare molto delicatamente sulle mele, nella teglia, dando il tempo al pane di assorbire un po' alla volta il liquido.
Cospargere con qualche fiocchetto di burro e altro zucchero e lasciare riposare per un po' per far assorbire il latte; nel frattempo, scaldare il forno a 180°. Infornare per circa 40-45 minuti o fino a doratura della superficie. Lasciare raffreddare completamente prima di impiattare e servire.


Mi raccomando: non omettete le mandorle tritate mettendo tutta farina perché danno al dolce quella giusta croccantezza che va a contrastare con la sua morbidezza e ci vuole proprio!! Per fortuna, io ho usato la granella di nocciole (quella avevo in dispensa!) che ha sortito lo stesso effetto croccante!!


Io vedrei bene questo dolce servito con una salsina alla vaniglia o al cioccolato... o anche al limone...

 
 
Una vera sorpresa, morbidissimo, ma con una nota leggermente croccante, dolce, meloso, speziato...
Che dire di più? Ah sì: provatelo e mi saprete dire!!!
Buon inizio di settimana.





Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di Cinzia ai fornelli: Spezie, aromi e erbe aromatiche


14 commenti:

  1. E brava Stefy, davvero una bella ricetta!!!
    Grazie mille per averla condivisa!!!
    Un mega abbraccio e a presto
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, Carmen.
      un abbraccio anche a te e buona serata.

      Elimina
  2. Rubo Stefy!!!E' bella economica e golosa.Mi sono rimaste giusto giusto delle rosette stasera!!
    Baci cara
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che coincidenza fortunata!!
      anche se vale la pena comprare il pane solo per fare questo dolce... ;-)
      bacioni.

      Elimina
  3. Tanti anni fa ho mangiato un dolce simile da una signora italo australiana, solo che lei con la presentazione non era molto brava e in genere a cucinare non era il suo forte. La tua invece si presenta molto bene e d è molto invitante , sicuramente una fettina l'ho assaggerei molto volentieri! Buona serata e a presto !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che sono un po' migliorata come presentazione per merito del blog... ma anche se non fosse, quando un dolce è buono non c'è niente da fare.... ;-)
      buona serata anche a te e un abbraccio.

      Elimina
  4. bellissima e buonissima questa torta vintage sono già in attesa trepidante di altre ricette rubate agli amici,complimenti,alla prossima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. proprio domani devo preparare un'altra tortina da postare in settimana... ;-)

      Elimina
  5. Ma questa ricetta è straordinaria e non oso immaginare che tesori si nascondessero in quel ricettario vintage :-))) sono sicura che saranno una meglio dell'altra :-)
    Grazie x la condivisione tesoro, segno e appena ho pane in + provo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, c'era di tutto e di più, alcune ricette classiche, altre con una preparazione che non ho mai visto né pensato, tipo questa torta...
      visto che non serve il pane raffermo, puoi sempre comprarlo apposta... o farlo, visto che sei bravissima!! ;-)
      bacioni.

      Elimina
  6. Adoro tutte le torte preparate con il pane e la tua e' perfetta.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Ciao Stefy! Stai facendo dei capolavori stupendi, Si, Questa ricetta vintage é molto popolare qui. Era una ricetta preparata dalle nonne canadese che continua ad essere prodotta anche dalla nostra generazione. Un dolce cosi meraviglioso rimane per sempre. Si, le nonne ci aggiungevano anche un sciroppo ed é quello di acero. Pero tu sei stata piu geniale innovandola aggiungendoci mele e spezie. MMM..... che bontà! Te ne rubbo un grande pezzo e ci aggiungo anche un sciroppo di cioccolato!!! Bravissima!!! TVBBBBBB

    RispondiElimina
  8. leggevo questa ricetta questa mattina dal cellulare....e mi sono rifatta gli occhi, secondo me è una di quelle ricette furbe e versatili a mille cambiamenti ed aggiunte. Hai fatto bene a fotografare questo quadernetto, geniale come sempre Stef!

    RispondiElimina
  9. Mi piacciono un sacco queste ricette!! Amo quei quadernetti, come ha la mia mamma e anche io. Buonissima Stefania e grazie anche per queta adorabile ricetta!!

    RispondiElimina

I COMMENTI ANONIMI, VOLGARI E MALEDUCATI NON VERRANNO PUBBLICATI !!
A causa di molti spam è attiva la moderazione dei commenti!
I commenti spam o con pubblicità di qualsiasi genere con link attivi e/o inattivi non verranno pubblicati!