domenica 22 settembre 2013

Pevarini


I pevarini sono biscotti tipici veneziani e la loro particolarità è che tra gli ingredienti è presente il pepe, da qui il loro nome ("pevare" in dialetto veneto significa appunto "pepe").
Tra gli altri ingredienti, troviamo lo strutto e la melassa, ma in molte ricette oggi vengono sostituiti da burro il primo e miele e zucchero la seconda; nella ricetta antica si aggiungeva all'impasto anche una fialetta d'anice.
I pevarini li troviamo a partire dal '400 e, secondo alcuni, deriverebbero da ricette originarie dell'antica Grecia, apprezzati da filosofi e saggi; pare che un po' di pepe messo sul pane aiuti a combattere tristezza e depressione, quindi questi biscotti aiutano il buonumore e fanno parte di quella produzione di dolci secchi che possano durare a lungo, come i Baicoli.
In passato, i pevarini si potevano trovare nelle osterie veneziane e venivano accompagnati dall'ombretta de vin (cioè, un bicchiere di vino bianco o rosso) o venivano venduti alle sagre paesane, mentre oggi si possono trovare ancora in qualche bar, conservati in vasi di vetro, come un tempo, o in commercio presso alcuni rivenditori nel veneziano e nel padovano.
Il colore caratteristico di questi biscotti potrebbe trarre in inganno perché si potrebbe pensare che sono preparati con il cacao, invece questo ingrediente non c'è proprio e il loro colore è dato dalla presenza della melassa usata come dolcificante.
Sono di forma leggermente allungata ed appuntita, nel complesso molto rustici, con un profumo intenso dovuto alla presenza delle spezie.

Io ho cercato e trovato i pevarini qui, a Padova, ma ho constatato che nell'aspetto e negli ingredienti sono completamente diversi da quelli descritti in vari siti internet, soprattutto per la presenza delle mandorle e del cacao. Probabilmente, quest'ultimo è stato messo per "colorare" i biscotti visto che non sono stati preparati con la melassa, ma il suo sapore non si sente per niente.
Quindi, ho elaborato una mia ricetta prendendo spunto qua e là e il risultato mi soddisfa parecchio: anche se sono diversissimi da quelli comprati (i miei sono tanto meno rustici!), il sapore è quasi identico e la consistenza adatta per essere "pucciati" in un buon bicchiere di vino marsalato!


Ingredienti per circa 42 biscotti:
~ 300 gr di farina

~ 100 gr di zucchero semolato
~ 50 gr di zucchero di canna
~ 40 gr di miele di acacia
~ 100 gr di burro
~ 1 uovo
~ 1 bustina di lievito per dolci
~ 1 cucchiaino raso di pepe bianco
~ mezzo cucchiaino di cannella
~ mezzo cucchiaino di noce moscata tritata
~ un pizzico di sale
~ una manciata di mandorle in lamelle
~ 1 cucchiaio di granella di nocciole
~ 1 cucchiaio di cacao amaro (10-12 gr)


In una ciotola capiente, sciogliere il burro nel microonde; oppure, scioglierlo dolcemente in un pentolino, senza farlo bollire, poi trasferirlo nella ciotola.
Unire le spezie e il miele (foto 1), poi l'uovo e un pizzico di sale e sbattere con una forchetta (foto 2).
Aggiungere i due tipi di zucchero (foto 3), sbattere ancora con la forchetta, quindi unire la farina, il cacao, il lievito, le mandorle a lamelle e la granella di nocciole (foto 4).


Amalgamare il tutto usando sempre la forchetta e, quando si otterrà un composto piuttosto farinoso (foto 5), trasferirlo sul piano di lavoro e finire di impastare a mano fino ad ottenere un composto omogeneo, formando una palla (foto 6).
Prelevare delle piccole quantità di impasto, formare con le mani delle palline, schiacciandole leggermente, e metterle sulla placca del forno coperta con carta da forno (foto 7).
Fare cuocere i biscotti a 175° per circa 14-15 minuti (foto 8).


Appena usciti dal forno, i biscotti sono morbidini, meglio aspettare un minuto prima di trasferirli su una gratella a raffreddare.
Una volta freddi del tutto, acquisteranno una consistenza tale da poter essere intinti nel vino rosso, o anche nel caffelatte.


Nota importante: mangiare con moderazione perché, come tutti i cibi piccanti, anche i pevarini sono leggermente afrodisiaci!


Note:
- con i pevarini sono indicati vini rossi corposi, come il vin santo, o anche il vin brulè.
- ottimi anche nel latte...
- l'impasto finale andrebbe steso con il matterello e poi si ricavano i biscotti della forma voluta; se si vuole procedere in questo modo, mettere l'impasto in frigo per almeno mezz'ora o anche un'ora.
- si possono aggiungere o togliere spezie a piacere, l'importante è che ci sia sempre il pepe!
La quantità delle spezie scelte va a gusti; ad esempio, questi biscotti sono piccantini, ma piacevoli...
- io ho usato il pepe bianco perché mi sembra meno piccante di quello nero, ma vedete voi, in base ai vostri gusti.
- se si vuole dei biscotti un po' più morbidi, cucinarli per 12-13 minuti.
- il giorno dopo, sono molto croccanti, ancora più ideali da "pucciare"!!!!



Conservare i pevarini chiusi in una scatola di latta.



E con questo ho finito, vi auguro una felice domenica e...
alla prossima.
Stefania ^_^


Con questa ricetta vorrei partecipare al contest del Molino Chiavazza: Mani in pasta - I biscotti della tradizione

13 commenti:

  1. Non conoscevo questi biscotti peposi :) sembrano deliziosi!

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questi biscotti, hanno un aspetto veramente bellissimo e ti sono venuti benissimo...devono essere sicuramente buonissimi e profumatissimi grazie ad aromi quali cannella e noce moscata che adoro:)
    complimenti Stefy e grazie per aver condiviso questa bellissima ricetta!!!
    un bacione!!!
    Rosy

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo questi biscotti, grazie di avermeli fatti conoscere :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Non li ho mai assaggiati ma dalla lista degli ingredienti penso proprio che sarebbero di mio gradimento!
    Da provare ^_^
    la zia Consu
    ps: c'è posta x te :-D

    RispondiElimina
  5. Grazie per la ricetta ma soprattutto per tutta la filologia del perfetto pevarino.
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  6. grazie a tutti e buona settimana.
    Stefy

    RispondiElimina
  7. non esistenza di questi biscotti, te li copio mio marito ne andrà pazzo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. poi dimmi cosa ne pensa...
      ricordati che sono da pucciare perché sono un po' duri....
      baci anche a te.
      Stefy

      Elimina
  8. Carinissimi i biscotti..si possono fare!!
    Un bacio e buona settimana.
    Inco

    RispondiElimina
  9. boniii!
    in bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  10. ciao ti ho scoperta per caso e ne sono felice perchè le tue ricette sono golosissime quindi hai conquistato una nuova fans
    se ti va vienimi a trovare sul mio blog kreattiva ciao rosa

    RispondiElimina
  11. Quel pizzico di pepe mi stuzzica!!!! Grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  12. Allora ci vogliono un bel paio di biscotti di questo tipo per tirare su di morale tante persone che in quest'ultimo tempo sono in difficoltà !!!:)
    Molto interessanti !!!

    RispondiElimina

I COMMENTI ANONIMI, VOLGARI E MALEDUCATI NON VERRANNO PUBBLICATI !!
A causa di molti spam è attiva la moderazione dei commenti!
I commenti spam o con pubblicità di qualsiasi genere con link attivi e/o inattivi non verranno pubblicati!